Botswana

La magia dell’acqua nel deserto

Il Botswana è un paese senza sbocco sul mare situato al centro dell’Africa del Sud, al confine con la Namibia, il Sudafrica, lo Zambia e lo Zimbabwe. Gran parte del Botswana è tecnicamente un deserto, con circa il 75% del territorio occupato dal Deserto del Kalahari. Se l’orizzonte piatto e arido del Kalahari è l’essenza del Botswana, il Delta dell’Okavango è un’oasi nel deserto, creata dall’omonimo fiume, che raccoglie le piogge dell’Angola e scorre per 1.600 km fino al Kalahari.

Qui le acque dell’Okavango formano uno dei più grandi delta interni del mondo, dando vita ad uno spettacolare ecosistema. Il Botswana è un Paese stabile, con un’economia in crescita, basata su un utilizzo attento e responsabile delle risorse naturali. Pioniere nella conservazione, il Botswana è da sempre in prima linea nella lotta al bracconaggio e all’avanguardia nella promozione di un turismo sostenibile. Circa il 40% del territorio nazionale è vocato a parchi e riserve naturali: libero da recinzioni e quindi splendidamente selvaggio. Ogni regione, ogni parco, ogni riserva ha una propria identità e accoglie habitat differenti, ma comunicanti, popolati da centinaia di specie di piante e animali. Il Chobe ospita la più numerosa popolazione di elefanti al mondo, le piane alluvionali del Linyanti e della Moremi Game Reserve sono territorio di caccia del raro licaone, nei canneti del Delta dell’Okavango si nasconde il sitatunga, mentre nei Makgadikgadi Pans gli operosi suricati scavano i loro lunghi cunicoli. Un safari in Botswana non è solo esaltanti avventure nella natura e sorprendenti incontri con la fauna Africana, e’ un viaggio nel tempo alla scoperta della cultura e delle tradizioni dei Boscimani, popolo di cacciatori-raccoglitori che da millenni vive nel Kalahari.

Luoghi e meraviglie

plus less

Central Kalahari Game Reserve

Creata nel 1961 come santuario protetto per le comunità di Boscimani, la Central Kalahari Game Reserve è la riserva più grande del Sud dell’Africa con una superficie di circa 52.000 km². E’ rimasta inaccessibile al turismo per decenni ed oggi ospita pochi campi e lodge per lo più concentrati nella Deception Valley, nel nord del parco. Qui durante la stagione delle piogge si radunano grandi branchi di erbivori, che a loro volta attirano numerosi predatori come i famosi leoni dalla criniera nera del Kalahari, ma anche leopardi, ghepardi, licaoni e iene brune.

Chobe National Park

Creato nel 1968 e secondo per estensione in Botswana, con una superficie di circa 11.000 km², il Chobe National Park vanta la più alta concentrazione di elefanti di tutta l’Africa. Il parco, che prende il nome dall’omonimo fiume, ospita differenti ecosistemi e un’eccezionale quantità e varietà di animali, fra i quali numerosi predatori. I grandi protagonisti del Chobe sono gli elefanti: ridotti a poche migliaia negli anni Settanta, oggi sono oltre 120.000 e si spostano lungo antiche rotte migratorie da nord a sud del parco.

Delta dell’Okavango

Il Fiume Okavango nasce sugli altopiani dell’Angola e scorre attraverso la Namibia fino al nord del Botswana, dove forma uno dei più grandi delta interno del mondo, con una superficie di 16.000 km². Ogni anno un’ondata d’acqua si riversa nel Panhandle e si disperde lentamente nel reticolo di canali e lagune del delta, prima di scomparire nelle sabbie del Kalahari. L’acqua, filtrata da sabbia e papiri, da vita a un ecosistema unico, abitato da 130 specie di mammiferi, 89 specie di pesci e oltre 480 specie di uccelli.

Linyanti

All’estremo nord del Botswana si trova la regione del Linyanti, un complesso sistema di acque formato dal Fiume Kwando-Linyanti, che disegna un paesaggio di insoliti corsi d’acqua e lagune bordeggiate di papiri. La Linyanti Wildlife Reserve, confinante con il Chobe National Park, è meta di spettacolari migrazioni di zebre, bufali ed elefanti ed è famosa anche per i grandi felini e i branchi di licaoni, celebrati in diversi documentari. Il Linyanti ospita pochi, piccoli campi situati in concessioni private tra cui la Selinda Reserve.

Makgadikgadi Pans

Le distese saline dei Makgadikgadi Pans erano coperte dalle acque di un enorme lago prosciugatosi ormai migliaia di anni fa. Parte dell’ecosistema del Kalahari, ma profondamente diversi dalla Central Kalahari Game Reserve, i Makgadikgadi Pans rappresentano una destinazione veramente unica e in gran parte inesplorata. Se durante la stagione secca i Makgadikgadi Pans ospitano esclusivamente le specie desertiche, da dicembre a marzo migliaia di zebre e gnu migrano in quest’area, con avvistamenti regolari di leoni e altri predatori.

Moremi Game Reserve

Nella parte orientale del Delta dell'Okavango, la Moremi Game Reserve è unica non solo per la sua biodiversità, ma anche per la sua storia. Creata nel 1963 dalla moglie del Capo Moremi III, preoccupata per la riduzione del numero di animali a causa della caccia, la riserva è il primo santuario naturale in Africa creato da una popolazione locale sulla propria terra. Un ambiente naturale straordinariamente ricco, fatto di piane alluvionali, lagune coperte di ninfee e foreste di mopane con un’incredibile concentrazione e varietà di mammiferi, rettili, pesci e uccelli.