Sudafrica

L’eredità di Mandela: uniti nella diversità

All’estrema punta meridionale dell’Africa, bagnato dagli oceani Atlantico e Indiano, il Sudafrica confina con i vicini stati del Mozambico, dello Zimbabwe, del Botswana, della Namibia e dello Swaziland, e al suo interno si trova il Regno del Lesotho. Dopo una recente storia di segregazione etnica e sfruttamento dovuti al regime dell’apartheid, negli ultimi 24 anni il Sudafrica ha voltato pagina intraprendendo una lenta trasformazione verso la diversità multiculturale e sviluppando una delle più fiorenti economie del continente africano.

La diversità del paese si ritrova tanto nei popoli e nelle culture quanto nella geografia e nella natura che lo caratterizzano. La sua vocazione pluralistica si riflette nelle 11 lingue ufficialmente riconosciute, mentre gli ecosistemi e i paesaggi variano dal deserto alle foreste subtropicali, dalle spiagge di sabbia bianca alla savana, dalla vegetazione endemica “fynbos” al Blyde River Canyon, il terzo al mondo per dimensioni. Il Sudafrica ospita incredibili meraviglie naturali: la straordinaria fauna del Parco Nazionale Kruger,  lo spettacolare ecosistema oceanico lungo le coste di Città del Capo e del Western Cape,  la natura aspra e sorprendente dei deserti del Kalahari e del Karoo, le calde acque e le splendide colline del KwaZulu-Natal. La diversità del Sudafrica ne fa la meta ideale per un primo viaggio alla scoperta dell’Africa del Sud che unisce esperienze diverse: vita in città, sport all’aperto, buona cucina, spiagge e natura.

Luoghi e meraviglie

plus less

Città del Capo

Fondata dagli Olandesi nel XVII secolo e per molti anni principale porta di accesso all’Africa del Sud, Città del Capo sorge in uno scenario spettacolare all’estremità del continente africano. La città è un eclettico mix di colori, culture e stili di vita – dall’alta cucina ai mercati di oggetti di design – e offre numerose attività all’aperto. E' possibile scalare la Table Mountain che sovrasta la città o visitare Robben Island, dove Mandela fu incarcerato durante il regime dell’apartheid, ed esplorare le spiagge di sabbia bianca che si estendono da Camps Bay fino a Cape Point.

Deserto del Kalahari

Il Deserto del Kalahari è un gigantesco bacino di sabbia che si estende per 900.000 km² attraverso i confini di Namibia, Botswana e Sudafrica. Non è una regione propriamente desertica, poiché riceve tra i 150 e i 350 mm di precipitazioni all’anno che generano una relativa abbondanza di flora e fauna. Il Kgalagadi Transfontier Park si estende oltre i confini dei paesi limitrofi, permettendo la migrazione della fauna selvatica. Il paesaggio è dominato da dune rosse e il deserto brulica di animali: leoni, leopardi, iene brune, springbok, orici e suricati.

Il Capo Occidentale

A un’ora da Città del Capo si trova la regione delle Cape Winelands, dolci colline coltivate a vigneto che producono i migliori vini del paese. Una visita ai produttori di vino e una cena in un ristorante gourmet sono assolutamente d’obbligo per chi visita la regione. Più a est si passa dalla pittoresca cittadina di Hermanus, celebre per la migrazione delle balene, e si prosegue lungo la panoramica Garden Route attraverso foreste, fynbos endemico e passi di montagna fino a raggiungere le splendide cittadine costiere di Knysna e Plettenberg.

Kruger National Park

Creato nel 1898, il Kruger National Park è il più antico ed esteso santuario naturale in Sudafrica, nonché uno dei luoghi migliori per osservare l’incredibile diversità e abbondanza della fauna africana. Il parco ospita 147 specie di mammiferi, 118 specie di rettili e oltre 500 specie di uccelli, ed è conosciuto come il regno dei "Big Five": leone, leopardo, elefante, rinoceronte e bufalo. Il paesaggio del Kruger varia dalle colline di granito e boscaglia a sud alle foreste di mopane e fevertrees a nord e alla catena vulcanica dei Monti Lebombo a est.

KwaZulu-Natal

Nota per il clima caldo e umido e le incantevoli spiagge, la provincia del KwaZulu-Natal si estende lungo la costa orientale del paese. La costa ospita un’incredibile fauna oceanica composta da delfini, balene e squali, oltre a essere teatro della famosa migrazione annuale delle sardine. Nell'entroterra, le verdi colline delle Midlands ricordano il paesaggio inglese, mentre i maestosi Monti Drakensberg segnano il confine tra il KwaZulu-Natal e il Lesotho. Diversi parchi nazionali e riserve private permettono di vivere meravigliose esperienze nella natura.

Madikwe Game Reserve

La riserva di Madikwe è un’area protetta malaria-free di 750 km² situata nella parte settentrionale del Paese, al confine con il Botswana. Nel 1991 con l’“Operazione Phoenix” il governo ha convertito terreni agricoli abbandonati nell’attuale riserva, trasferendovi fauna selvatica. È un’area pianeggiante dominata da praterie aperte e distese di bushveld, inframmezzate da rilievi rocciosi e montagne isolate. Madikwe è una delle migliori zone del Paese per l’avvistamento dei licaoni, e ospita oltre 60 specie di mammiferi e 300 specie di uccelli.

Riserve al confine del Kruger National Park

Al confine occidentale non recintato del Kruger National Park si trovano alcune riserve private, come la celebre riserva di Sabi Sands, che offrono la stessa esperienza del parco, ma con un approccio esclusivo: l’ingresso è riservato solo agli ospiti dei pochi lodge. Sistemazione lussuosa, safari condotti da guide esperte e attività di diverso tipo non consentite nel parco – safari a piedi, game drive notturni, incontri ravvicinati con la fauna e programmi per la famiglia – concorrono a creare un’esperienza unica.